Stefania Milioti (Milazzo 23/08/1971)
Ha conseguito il Diploma in “Arte della Ceramica” presso l’Istituto Statale d’Arte “Alfonso Frangipane” di Reggio Calabria (2007); il Diploma in Pittura (2001) presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria con la votazione 110/110 e lode (con tesi dal titolo: Milazzo: il luogo e il materiale – Relatore: Prof. Arch. Carmelo Carullo) e la Laurea Specialistica in “Arti Visive e Discipline dello Spettacolo” indirizzo Pittura (2006) presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria con la votazione 110/110 e lode (titolo tesi: Il “Volto” del Raku – Relatore: Prof.ssa Paolina Giansiracusa; Correlatore: Prof. Filadelfo Tinnirello).

Ha insegnato Tecniche della Ceramica e Teoria della Percezione e Psicologia della Forma presso l'Accademia di Belle Arti "Mediterranea" di Ragusa (02/11/2003–04/03/2008); Tecniche Pittoriche, Laboratorio Pittura e Teoria della Percezione e Psicologia della Forma presso l'Accademia di Belle Arti "Leonardo da Vinci" di Capo d'Orlando (ME) (07/02/2006-04/03/2008).

E' stata Docente di II fascia di Pittura e Cromatologia all'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria (04/03/2008-31/07/2008). Docente per Attività Formative (Progetto OrientART) presso l'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria (30/04/2008-30/10/2008). Ha insegnato Arte della Ceramica presso l'Istituto Statale d'Arte di Milazzo (ME) (04/09/2008-30/06/2009). Docente di Tecniche e Tecnologie del Disegno a.a. 2009/2010, Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria.
Dall'anno accademico 2009/2010 al 21/12/2011 è stata Docente di II fascia di Pittura e Cromatologia presso l'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria. Nell'anno accademico 2011/2012, incarico di Docente Esperto Esterno di Disegno per la Scultura all'Accademia di Belle Arti di Foggia e delle discipline Cromatologia e Disegno per la Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria. Attualmente è Docente Esperto Esterno di Disegno per la Pittura all'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria.

Lavora presso Oforma Studio sito in Piazza Roma n. 19 – Milazzo (ME), dove realizza oggetti d’Arte in Ceramica, prevalentemente nella tecnica Raku e opere in Pittura su commissione di enti pubblici e privati.


L’Infinito
Prof. Giuseppe Anania

Il colore privilegiato dalla Nostra è il blu giacché per lei rappresenta l’infinito (il mare, il cielo) quindi l’ignoto che l’uomo ha sempre anelato titanicamente conoscere e conquistare.
Siffatto colore conseguentemente è inteso il simbolo del mistero che ogni mortale da un lato teme e dall’altro tende ad ogni costo svelare.
Nel contempo le tele proposte dalla Nostra con l’uso dominante di tale colore suscitano peraltro inquietudini, paure, ansie, timori tipiche dell’uomo che con le sue forze impari vuole sfidare l’infinito.
E’ una perenne lotta tra il finito e l’infinito con i suoi connotati epici e talora malinconici.
La Nostra, nell’avvertire interiormente siffatta esigenza di sfida e di ricerca, rivela tanta voglia ulissica nel percorrere taluni sentieri attraverso i paradigmi della sua fantasia creativa e dei suoi sentimenti più genuini. Pertanto, si manifesta una giovane artista alquanto pertinace e protesa verso lidi sempre nuovi e migliorativi, dimostrando di possedere tra l’altro un retroterra culturale molto utile per questa avventura.

Le sue tele presentano figure o elementi naturali costruiti mediante giochi cromatici, che emergono soltanto se cercate, individuate da un occhio attento ed esperto. Le sue opere, quindi, sono un puzzle raffigurativo che propone al fruitore contenuti mimetizzati da un magma monocromatico attraverso il quale essi si rivelano, allorquando scorti, nei loro contorni essenziali.

Da ciò emerge un processo che va dall’infinito o irreale al finito o reale. Processo che avviene mediante passaggio da un colore freddo a un colore caldo.


2013: PERSONALE DI PITTURA E CERAMICA "Dall'Origine della Forma ai Vortici della Mente" a cura del Prof. Giuseppe Livoti – ex Monastero delle Benedettine – Castello di Milazzo (ME) – (pubblicazioni su Portale Ufficiale della Città di Milazzo del 12/09/2013; 24LIVE.it del 20/09/2013; Gazzetta del Sud del 21/09/2013; il Dispaccio Reggio Calabria del 24/09/2013; Newz.it del 24/09/2013; Strill.it del 24/09/2013; Venus in the World del 24/09/2013; Gazzetta del Sud del 25/09/2013; Il Ciclope del 25/09/2013; Giornale di Sicilia del 27/09/2013; l'Ora della Calabria del 06/10/2013; (Il servizio è stato ripreso dal TIRRENO SAT il 28/09/2013). Laboratorio di Disegno per la Pittura, evento PORTE APERTE – Incontri d'Arte III edizione - Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria.
2012: Mostra artistico-didattica degli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria "Vibrazioni Cromatiche" presentata dal Prof. e Critico d'Arte Giuseppe Livoti – Palazzo della Provincia – Reggio Calabria (Comunicato stampa su RTV del 15/10/2012). 5° Biennale Internazionale d'Arte a Montecarlo – Hotel De Paris, a cura della Galleria d'Arte La Telaccia di Torino – Opera selezionata (pubblicazioni su Arte Mondadori e Arte In di Luglio 2012). Collettiva di Pittura "Il Bello nell'Arte Concettuale" Palazzo Fatta – Palermo, a cura della Galleria Makeda di Palermo e con la collaborazione dell'Associazione Culturale Art&Salus di Verona e l'Associazione Culturale "Il Settecento" – (pubblicazioni su Exibart, Equilibriarte, Tribeart, Premio Celeste, ExpoArt, EraModerna, del 18/04/2012). Mostra artistico-didattica degli allievi del Corso di Cromatologia "Analisi Cromato-logica" inserita nel calendario eventi di PORTE APERTE – Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria.
2011: Mostra artistico-didattica degli allievi del Corso di Cromatologia "L'Armonia del Colore – analisi cromatologica" presentata dal Prof. di Estetica Luigi Amato - Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria.
2010: Realizzazione di 20 lumini in Ceramica Raku commissionate dall'Hotel La Chicca di Milazzo. Rassegna di Grafica Contemporanea "SEGNO e SEGNI" 4° edizione – ARTEMgalleria – Palermo. Realizzazione di litografie commissionate dall'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria in occasione del XX Raduno Nazionale dell'Arma dei Carabinieri. Mostra artistico-didattica degli allievi del Corso di Pittura dell'Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria "Un Dipinto un'Indagine un'Identità" Pinacoteca d'Arte Contemporanea – Palazzo Nieddu del Rio– Locri (RC) – catalogo a cura della Fondazione Nosside.
2008: FINALISTA PREMIO ARTE 2008 – Editoriale Giorgio Mondadori – (Installazione Ceramica Raku e Ferro Battuto) - Opera pubblicata sul numero di ARTE Mondadori di settembre 2008. Realizzazione di 15 targhette in Ceramica commissionate dall'Hotel L'Ariana di Salina. Realizzazione di un'opera in Ceramica commissionata dal Direttore del TIRRENO SAT di Milazzo. I° Rassegna di Grafica Contemporanea "PLURALITA' SEGNICHE" – Nero d'Oca Studio d'Arte – Palermo.
2007: Collettiva di Pittura per il 2° Premio Internazionale d'Arte "Boè", galleria "Il Tempio"– Palermo. Biennale di Grafica Contemporanea "PASSAGGIO A SUD" – Premio Europeo per l'Incisione Totò Bonanno – Palazzo Ziino, Palermo; catalogo a cura di "Associazione Incisori Siciliani" ed "Associazione Culturale Il Corridoio". Mostra artistico-didattica degli allievi del Corso di Pittura dell'Accademia di Belle Arti di Capo d'Orlando – ME "Il Ricordo nel Futuro" Alto Comando Marina Militare – Faro di Capo d'Orlando (ME) – catalogo a cura dell'Istituzione.
2006: Progetto 2006 di Riqualificazione Piazza Montessori, seconda fase. (intervento in qualità di consulente artistico di una Installazione in Ceramica Raku). PROGETTO VINCITORE 1° PREMIO 10.000 Euro. "NASCONO le piazze ecologiche ECCO I CINQUE PROGETTI MIGLIORI" – La Sicilia, 1° dicembre 2006, pag. 41. "Cinque piazze tra verde e innovazione" – "I PROGETTI VINCITORI del Concorso di Riqualificazione di 5 spazi urbani" – La Sicilia, 06 dicembre 2006, pagg. 47/50. Opera in Ceramica Raku dal titolo "Dissoluzione" selezionata al 2° Premio Internazionale di Pittura, Scultura e Grafica "BOE'" indetto ed organizzato dal: Centro Diffusione Arte - Palermo.
2005: Incisori Contemporanei – "Incontri nel Parco Museo Yalari" – Barcellona P.G. (ME). Concorso Europeo di Idee e di Progettazione "Piazze Botaniche"- Recupero di cinque piazze cittadine – Catania 2005. Comune Catania – Assessorato Lavori Pubblici – IV servizio progettazione e realizzazione nuovo verde e arredo urbano, con la consulenza di IN\ARCH Sicilia. Progetto di Riqualificazione: Piazza Michelangelo; Piazza Montessori; Piazza S. Leone; Piazza S. Maria del Gesù; Piazza S. Spirito. Il progetto è stato selezionato per la seconda fase (su 365 progetti presentati).
2003: 6° Biennale Calabrese d'Arte Contemporanea – città di Monterosso Calabro (CS) – Gazzetta del Sud, 26 luglio 2003.
2001: 5° Biennale Calabrese d'Arte Contemporanea – città di Monterosso Calabro (CS). PERSONALE DI PITTURA "Contrapposizioni Convergenti" – Comune di Pace del Mela (ME) – Affari, 14/07/2001. Collettiva di Pittura "ARTE & ARTE" organizzata nell'ambito dei "Caffè Letterari" del Rhegium Julii – Oasi di Pentimele (RC). – presentata dallo scrittore Willy Pasini - Catalogo a cura del Circolo Rhegium Julii. Gazzetta del Sud, Quotidiano e Cronaca di Reggio, 29 luglio 2001.
2000: Vincitrice Premio Internazionale "Arpi" Il Viaggio – (Foggia) – settore fotografia.
1999: Collettiva di Pittura "Scilla Perla del Mediterraneo" – Comune di Scilla (RC). Collettiva di Pittura "l'Uomo e il suo Tempo" – Galleria d'Arte Mediterranea (RC). Biennale d'Arte dello Stretto Giovani "Umberto Boccioni" – Associazione culturale Anassilaos – opera selezionata ed esposta in sede di Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria. 1° Premio Internazionale Biennale d'Incisione – città di Monsummano Terme – Pistoia. Biennale di Pittura Premio "Felice Casorati" – Torino. Rassegna Nazionale della Stampa d'Arte – Milano. 4° Biennale Calabrese d'Arte Contemporanea - città di Monterosso Calabro (CS) – "Il Domani" REGGIO, 18 Agosto 1999. Curatori catalogo: G.ppe Farina, C. Pileggi, A. Puzzello.
1998: 7° concorso Nazionale di Calcografia – Comune di Gorlago - Bergamo.
1996: Finalista Premio di Pittura "Vita e Paesaggio di Allume" – Roccalumera (ME).
1995: PERSONALE DI PITTURA "L'Origine della Forma" – Portici Paladiana - Milazzo (ME).

Opere ubicate nelle seguenti istituzioni:
Archivio di Grafica Contemporanea del Comune di Gorlago (BG).
Comune di Pace del Mela (ME).
Comune di Monsummano Terme, Pistoia.
Centro diurno per anziani "Palazzo Lo Sciotto" – Comune di Pace del Mela (ME).
Museo Didattico Scuola Media Statale "Ugo Foscolo" – Barcellona P.G. (ME).
Associazione Incisori Siciliani, Palermo.
Scuola Allievi Ufficiali Carabinieri, Roma.
Pinacoteca d'Arte Contemporanea "Fondazione Nosside", Palazzo Nieddu del Rio, Locri (RC).

Pubblicazioni previste da scelte editoriali da parte di redazioni qualificate
Stefania Milioti, L'Armonia del Colore – Analisi Cromatologica, Laruffa Editore, Reggio Calabria, 2010.
Stefania Milioti, Attività Percettive: dettagli dei fenomeni visivi, Laruffa Editore, Reggio Calabria, 2011.

Cataloghi
Stefania Milioti, "L'Origine della Forma". Progetto grafico e impaginazione: Arch. Carmelo Dragà, Arch. Francesco Miroddi. Traduzioni: Prof.ssa Chetty Materia. Testi: Prof. Giuseppe Anania, Prof. Andrea Romoli Barberini. Stampa: Luglio 2010.

Pubblicazioni in altri libri
FERRI MAESTRI (un tuffo nel mondo della progettazione) a cura di Antonello Rizzo. Rizzo Editore, Lecce, 2008.

Pubblicazioni in riviste
ARTE. Mensile di Arte, Cultura, Informazione. Editoriale Giorgio Mondadori. Installazione in Ceramica Raku e ferro battuto. Numero di settembre 2008.
ARTE. Mensile di Arte, Cultura, Informazione. Editoriale Giorgio Mondadori. Numero di luglio 2012.
ARTE IN. International Art Magazine. Numero di luglio 2012.

Bibliografia Critica Parziale
"Il Domani" Reggio, 18 Agosto 1999
Affari, 14 Luglio 2001
Gazzetta del Sud, 29 Luglio 2001
Quotidiano, 29 Luglio 2001
Cronaca di Reggio, 29 Luglio 2001
Gazzetta del Sud, 26 Luglio 2003
La Sicilia, 01 Dicembre 2006, pag. 41
La Sicilia, 06 Dicembre 2006, pagg. 47/50
Exibart, 18 Aprile 2012
Equilibriarte, 18 Aprile 2012
Tribeart, 18 Aprile 2012
Premio Celeste, 18 Aprile 2012
ExpoArt, 18 Aprile 2012
EraModerna, 18 Aprile 2012
Portale Ufficiale della Città di Milazzo, 12 Settembre 2013
24LIVE.it, 20 Settembre 2013
Gazzetta del Sud, 21 Settembre 2013, pag. 35
Il Dispaccio di Reggio Calabria, 24 Settembre 2013
Newz.it, 24 Settembre 2013
Strill.it, 24 Settembre 2013
Venus in The World, 24 Settembre 2013
Gazzetta del Sud, 25 Settembre 2013, pag. 35
Il Ciclope, 25 Settembre 2013
Giornale di Sicilia, 27 Settembre 2013, pag. 26
L'Ora della Calabria del 06/10/2013, pag. 15




L'Infinito

Prof. Giuseppe Anania


Pittoriche rapsodie in blu
Prof. Andrea Romoli Barberini


Pittoriche rapsodie in blu
Prof. Andrea Romoli Barberini

Per quella sorta di inveterato vizio, pur necessario, che troppo spesso riduce la critica d’arte a qualcosa di troppo prossimo a un esercizio archivistico, l’osservazione di un nucleo di opere sembra condurre, quasi fosse una tappa forzata, all’individuazione di uno o più contesti culturali d’appartenenza, gli ismi, preziosi appigli da spendere come metro comparativo per evidenziare pregi ed eventuali debolezze dei manufatti presi in esame.
Svelato impietosamente un metodo, tra i più utilizzati e logori, che ha nella necessità di relazione con il già codificato il suo tallone d’Achille e che, proprio per ciò, risulta essere penosamente inefficace di fronte a quanto si manifesta in forma inedita e senza “padri”, si rileva, quasi con sollievo, che Stefania Milioti dipinge. E a pensarci bene, il sollievo è doppio. E non solo perché la disciplina pittorica, complice la sua difficoltà a rinnovarsi, rende ancora una volta utile il metodo critico comparativo, ma anche e soprattutto perché il possibile rigenerarsi di questa nobilissima arte è vincolato alla qualità e alla quantità di quanti la praticano sistematicamente con piglio, coraggio e dedizione.
Inutile ricordare quanto il canto delle sirene di tante esperienze espressive “altre”, rispetto alle cosiddette “discipline tradizionali”, abbia falcidiato i ranghi dei pittori, così come non serve ribadire quanto sia distante al giorno d’oggi, specie nelle generazioni più giovani, l’idea di ricerca, intesa nella sua accezione più alta, di sistematicità, rigore di metodo e audacia sperimentale.
La straripante pigrizia mentale imperante, figlia della subcultura del “tutto e subito”, non sembra consentire, oggi, ai giovani artisti quei tempi tecnici d’attesa – meglio chiamarli di maturazione attiva – propri di qualsiasi indagine sistematica. Pertanto, salvo rari casi, la pittura viene interpretata, e non sempre a torto, soprattutto da chi crede di cavalcare la tigre del presente, come una delle tante vie espressive disponibili, funzionale a un determinato messaggio, con buona pace della sistematicità della ricerca pittorica e delle sue possibilità di rinnovamento.
Stefania Militi dipinge, s’è detto, e pur essendo giovane lo fa già da anni con quella particolare dedizione che sostanzia e tradisce la scelta sottintesa di proseguire in questo percorso alla maniera di quanti, rispondendo a qualcosa che sta a metà strada tra la vocazione e la necessità, hanno poi scelto d’essere pittori.
Vocazione e necessità perché non è l’artista a decidere d’esser tale. Lui potrà solo scegliere dopo che la sua necessità lo avrà avvicinato all’arte abbastanza da sentirne la chiamata e accertarne quella “corrispondenza d’amorosi sensi”, quel conoscersi che, visto dalla prospettiva dell’artista, si traduce in studio e sperimentazione.
Stefania Milioti ha studiato e sperimentato la pittura. Lo ha fatto e continua a farlo. Lo dice il suo percorso pittorico sin qui tracciato, con i suoi nobili “padri” e i traguardi raggiunti, scaturiti dalla naturale evoluzione che, nel tempo, ha trasformato le guide di ieri in solide fondamenta, preziosi e sempre meno evidenti presupposti poetici su cui costruire, in matura autonomia, la propria identità artistica.
E’ una ricerca, la sua che, specie nelle elaborazioni degli esordi, dato il suo carattere analitico – si pensi alle sperimentazioni in bianco e nero, quasi un esercizio grammaticale – si è posta nel solco di quelle avanguardie storiche che hanno contribuito a definire le strutture del visibile partendo dall’individuazione dei suoi codici visivi di base.
Tuttavia, sorprendentemente, forse per generazione d’appartenenza, le sue opere non hanno mai mollato gli ormeggi dai lidi della figurazione. A ben vedere, infatti, anche lì dove un magma indistinto sembra connotare le tele, dando sfogo a seduzioni calligrafiche che evocano atmosfere art nouveau, si riconoscono costantemente lacerti figurali che si richiamano l’un l’altro, quasi a ricostituire la trama di una storia. In questa suggestiva poetica dell’intravisto, molto prossima a una sfida allo sguardo, si ritrova il sofisticato piacere dell’occultamento, delle letture ambigue e molteplici, della polivalenza delle forme e del senso.
E questa coinvolgente caccia alle forme, palesi e nascoste ad un tempo, suscitato dal gioco del velare e rivelare proprio di questi quadri, ha individuato e mantenuto, nella dominante cromatica del blu, un elemento di mistero connotante.
Un blu che, con i suoi mille toni dettati da altrettanti arabeschi e figure, attrae e inquieta, interroga e seduce, sempre rinviando alla dimensione mutevole e profonda del pensiero.

Per informazioni sulle opere, sulle mostre, o semplicemente per lasciare un commento, scrivici, saremo lieti di rispondere ad ogni richiesta.
RICHIESTA INFORMAZIONI e INVIO COMMENTI
Nome e Cognome:*
Città:
Telefono:
E-mail:*
Scrivo per:

Invia una richiesta o un commento:

*campi obligatori

Stefania Milioti - Piazza Roma,19 - 98057 Milazzo (ME)
tel.: 090 9071352 - cell. 347 1068488 - s.milioti@alice.it

 

 

Fotografia delle opere
Archivio fotografico Stefania Milioti

Fotografie dell'artista
Arch. Carmelo Draga'

Traduzioni
Pro.ssa Chetty Materia

Testi
Prof. Giuseppe Anania
Prof. Andrea Romoli Barberini

Sito web
Archiged & Designers - www.archiged.it